La collezione primavera-estate 2013 proposta da Valentino a Parigi è davvero sorprendente, sembra un regalo di grazia e delicatezza per tutte le donne che vogliono essere eleganti e originali in tutti le situazioni.

I due stilisti, Pierpaolo Piccioli e Maria Grazia Chiuri, prima della sfilata hanno detto: “«In un contesto dove tutto è piatto la bellezza ci sembra l’unico modo di reagire». E, di bellezza qui ce n’è davvero tanta!

La sfilata inizia con un meraviglioso vestito in tulle colore carne, ricamato di budelino in raso rosso, un nastro particolare che si chiama “coda di topo” in grado di dare forma alle volute di un cancello in ferro battuto: un abito che sembra una scultura.

Lunghi vestiti bianchi ricamati sembrano ridare vita alle dame del Quattrocento.

Evoca le atmosfere di un ninfeo barocco, l’abito con ricami in madreperla traslucida, con una gonna disegnata come un labirinto di pizzi neri su tulle carne.

Emozionati, invece, il vestito da sera con diverse conottiglie dipinte a mano per dare l’effetto della rugiada mattutina caduta sui fiori, e il modello lungo fino ai piedi con un primo strato di ortensie fiorite, un secondo molto luminoso, e un terzo ricamato a uccellini di rafia.

Tutta la collezione è una sapiente opera di “giardinaggio sartoriale”.

valentino-haute-couture-2013 3
valentino-haute-couture-2013 5
valentino-haute-couture-2013 7
valentino-haute-couture-2013 11
valentino-haute-couture-2013 12
valentino-haute-couture-2013 9
valentino-haute-couture-2013 6
valentino-haute-couture-2013 10