C’era un volta un sandalo, bello, tecnologico e trasparente, quasi un cristallo, forse eravamo all’interno di una nota favola. Ma, non è così, perché questa scarpetta non esiste solo nella fantasia, è reale!

Brevettata nel 1947, ovviamente da uno dei migliori esportatori del Made in Italy nel mondo, Ferragamo, rappresenta la prima calzatura a vincere l’ambito Oscar della Moda, il premio “Neiman Marcus”.

Nonostante il riconoscimento ottenuto, il progetto non decolla, i tempi non sono ancora maturi, i costumi sono troppo intrappolati da una moralità chiusa. Esiste un rigido codice nell’abbigliamento e non è consentito mostrare il piede nudo. Ma questo capolavoro resterà per sempre nella storia, come un piccolo e prezioso artefatto.

L’ispirazione per questo pezzo unico che, racchiude impegno, creatività, qualità, arriva mentre il fashion designer passeggia presso il Lungarno e osservando un pescatore l’idea si presenta chiara e limpida nella sua mente. Il filo da lenza, in nylon, non si rovina, è trasparente e resistente.

Nell’autobiografia di Ferragamo leggiamo: “Presi un lungo filo di nylon trasparente, lo attorcigliai e lo avvolsi intorno a un tacco scolpito, come la poppa di un piroscafo”.

E, fu così che nacque la scarpa che c’è ma non si vede, il sandalo invisibile tutto da guardare!

sandalo invisibile ferragamo