Si chiama “Italiana – L’Italia vista dalla moda 1971-2001” ed è uno degli eventi moda più attesi della stagione. Si tratta di una mostra dedicata ai trent’anni di Made in Italy che vanno dagli anni Settanta al Duemila. Trent’anni che hanno cambiato profondamente la nostra società, non solo nel mondo della moda.
La moda però diventa quindi il punto di partenza per ripercorrere gli avvenimenti principali di quei decenni, delimitati da due date simbolo. Il 1971 è l’anno in cui lo stilista Walter Albini sceglie Milano come location per la sua sfilata prêt-à-porter, segnando così il passaggio dall’Alta Moda al prêt-à-porter, appunto.
Il 2001, invece, è l’anno dell’attentato dell’11 settembre che cambierà per sempre molti equilibri a livello globale. Proprio in questo scenario il Made in Italy si afferma a livello internazionale.

eventi moda Italiana

La mostra, curata da Maria Luisa Frisa e Stefano Tonchi, non ripercorre però un ordine cronologico ma tematico. Sono nove le sezioni di cui si compone: Bazar, Democrazia, Postproduzione, L’Italia degli Oggetti, Identità, Diorama, Glocal, Project Room e In Forma di Logo.
L’allestimento non può quindi considerarsi solo uno dei tanti eventi moda dell’anno. È qualcosa di più, un viaggio nel tempo dalle lotte femministe e il terrorismo degli anni Settanta sino alla diffusione dell’advertising che rivoluziona il modo di comunicare il brand.

“Italiana” fonde così arte, cultura, storia e molto altro. E lo fa attraverso l’esposizione di creazioni di stilisti del calibro di Versace, Giorgio Armani, Bottega Veneta, Diesel, Dolce & Gabbana. Ma anche Fendi, Max Mara, Prada, Valentino. E ancora Alberta Ferretti, Benetton, Missoni, Fiorucci, Alberto Marras, Fila, Etro e tutto il meglio del Made in Italy.

A queste si affiancano le fotografie di Paolo Roversi, Oliviero Toscani e Alfa Castaldi che hanno creato un modo nuovo di comunicare la moda italiana in tutto il mondo.
Fashion e arte si fondono anche attraverso le opere di artisti come Alighiero Boetti, Michelangelo Pistoletto, Francesco Vezzoli e Maurizio Cattelan che hanno fornito interessanti interpretazioni del mondo della moda.

eventi moda Italiana

Oliviero Toscani

Tutti i protagonisti di “Italiana”hanno contribuito a trasformare il Made in Italy in un’esperienza internazionale. Basti pensare a Versace o Marras, i primi a sperimentare nelle loro collezioni, interessanti contaminazioni, rispettivamente con la Magna Grecia e la Sardegna.
Durante il percorso espositivo si avrà così modo di rivivere il sapore di ognuno dei tre decenni rappresentati: la voglia di libertà degli anni Settanta, gli eccessi degli anni Ottanta e il minimalismo e l’internazionalizzazione dei Novanta.

Ecco perché questa mostra è dedicata agli amanti degli eventi moda e non solo. Se non sarete a Milano per la Fashion Week, nessun problema: “Italiana – L’Italia vista dalla moda 1971-2001” sarà visibile fino al 6 maggio.