Ha un stile surrealista la collezione disegnata da Guglielmo Mariotto per la maison Gattinoni, presentata ad AltaRoma AltaModa 2013. Lavorazioni dell’appeal tridimensionale, gioielli e cappelli a pagoda, tutto ci porta in un’altra dimensione quella metafisica del sogno e quella fantastica di una fiaba in stile Alice nel Paese delle Meraviglie.

Una sfilata che gioca sull’unione tra maestria artigianale e uso di moderne tecnologie. Un defilè da guardare con occhialini 3D. Un modo per interpretare insieme passato e futuro, e dare un nuovo significato al tutto.

“Il lavoro eseguito al computer, la selezione di centinaia di immagini, strette, allungate, ridotte, ingigantite, sfumate, gonfiate, a cui rubavamo un dettaglio, un particolare mi hanno indotto a vivere l’esperienza moda in maniera diversa.”, ha raccontato Mariotto.

Quella che vediamo è una moda diversa, ma non disumanizzata. Al contrario, è la tecnologia a prendere vita e a diventare più umana: un’isola feconda di idee.

Ecco allora una minituta con shorts bianco avorio, coperta da un tripudio di pizzi, ad aprire la sfilata. In seguito appaiono bermuda dello stesso colore abbinati a un camicia-nuvola piena di merletti, jem suit in 4D tagliati sul tulle e lavorati su più strati di pizzo, camicie in satin e organza in 3D e tessuti intrisi di paillettes brillanti. I colori hanno il rigore del bianco e del nero, per creare un suggestivo effetto optical.
La lingerie è composta da preziose sottovesti, vestaglie in organza con volant e ricami.

gattinoni altaroma 2013 1
gattinoni altaroma 2013 3
gattinoni altaroma 2013 4
gattinoni altaroma 2013 5
gattinoni altaroma 2013 12
gattinoni altaroma 2013 8
gattinoni altaroma 2013 9
gattinoni altaroma 2013 15
gattinoni altaroma 2013 16

 

Foto di Huffington Post